Rigatoni con asparagi e pomodorini

on

Questa mattina sono andata al mercato. Da Daniela, che ormai conosco bene e da cui compro sempre, c’era così tanta gente che le ho chiesto gentilmente, con la mia solita vocina flebile e zuccherina (che farebbe rivoltare gli stomaci dei più romantici): «Non è che mi puoi mettere da parte un po’ di questo, questo e questo, che poi ripasso?».

E lei come sempre mi ha risposto con uno dei suoi sorrisoni: «Certo, Lella! Non ti preoccupare. A dopo!». Lei è una di quelle persone per cui i clienti diventano Lella, Teso’, Amore, e che quando si fanno le 14 preferisce regalarti quel mazzetto di rucola o agretti rimasto piuttosto che riportarselo a casa. Così ho continuato il mio giretto al mercato in splendida solitudine. Banco del pesce, bancone della frutta secca, dei cereali, legumi, bancone della pasta fresca… Ritorniamo indietro: ancora un po’ di quello e un po’ di quell’altro. Andiamo ora a vedere a che punto è la mia “Lellla“. Oh, la gente se ne è andata. C’è solo una signora che meno male sta pagando e ora tocca a me: sono l’ultima…

«Oh, eccoci finalmente, Teso’! Allora, qui ci sono le mele, qui le pere. Gli agretti te ce li ho regalati io. A posto così?

Sì, tutto giusto, impeccabile servizio come sempre, era quello che le avevo chiesto, ma… Ma quel mazzetto di asparagi (tra l’altro freschissimo) laggiù solo soletto nessuno ha avuto la pietà d’animo di caricarselo nel carrello fino a casa e pensare a qualche ricetta per papparselo?! No? E allora ci penso io!

Così sono tornata a casa, carica di roba, e ho preparato il pranzo di oggi.

Qualche anno fa (quando ancora non cucinavo, ma mi cucinavano per capirci!) la pasta era uno dei miei piatti preferiti. Poi, a mano a mano, mangiata sempre allo stesso modo (sugo-tonno-pesto-in bianco) ha incominciato a stancarmi. Ma ora che sono io ad avere le redini della cucina in pugno, ho imparato come farmi gradire la pasta: basta giocare d’astuzia, ossia puntare prima di tutto sul tipo di pasta e poi suoi condimenti. Adoro fusilli, penne, farfalle e rigatoni, ma quello che mi interessa di più è il tipo di grano. Adoro il grano Khorasan Kamut che infatti ho comprato per realizzare questa squisita pasta con gli asparagi e pomodori.


pastaasparagi kamut (3)  

 Ingredienti per 3 persone:

240 gr pasta (io rigatoni di kamut integrale)

un mazzetto di asparagi (circa 250 gr)

2 pomodori

mezza cipolla

un cucchiaio di olio extravergine di oliva

parmigiano reggiano grattugiato (ne ho messe parecchie cucchiaiate per rendere il piatto più cremoso e saporito)

Procedimento:

Iniziate pulendo gli asparagi; dopo avere raschiato la parte verde esterna, tagliate l’estremità più dura e chiara, se necessario pareggiateli con un coltello in modo che abbiano tutti la stessa lunghezza. Ora cuoceteli nella  asparagera (una pentola alta con cestello estraibile e coperchio bombato). Lasciate che le punte degli asparagi restino fuori dall’acqua in modo che cuociano solo con il vapore. Intanto cuocete la pasta in acqua salata e in una padella fate rosolare  un cucchiaio di olio con metà cipolla tagliata finemente, poi aggiungete i pomodori tagliati a pezzi. Quando gli asparagi saranno teneri, tagliateli anche essi in piccoli pezzi e aggiungeteli nella padella. Scolate la pasta e aggiungetela al condimento. Aggiungere infine il parmigiano grattugiato e mescolare bene per amalgamare tutti gli ingredienti.

pastaasparagi kamut (5)

P.S: Un piatto completo, ricco di principi nutritivi: proteine, fibre e carboidrati. Ma soprattutto pieno di colori che stuzzicheranno senz’altro l’appetito di di grandi e piccini. Questa è una variante vegetariana, per chi ancora non l’ha provata è un must anche quella con i gamberetti.

PPS: Ora corro a fare la pipì e sì, scusate, ve lo devo proprio dire. Voi starete pensando “E a noi quanto ci può importare?”. Eh no, miei cari, vi interessa e come: una delle innumerevoli proprietà dell’asparago è proprio quella di essere un efficace diuretico e depurante per fegato e reni. Quindi se non avete particolari allergie o infiammazioni ai reni, una tazza  dell’acqua di cottura (filtrata) degli asparagi non può farvi altro che bene!

IMG_6422

Advertisements

4 Comments Add yours

  1. ostriche ha detto:

    In questi giorni gli asparagi fanno furore! Su tutti i blog, bellissimi…

    Mi piace

    1. gherigliodinoce ha detto:

      Già sono così buoni e versatili in cucina che è impossibile non decantarli ed elogiarli mangiandoli!

      Mi piace

  2. Labalenavolante ha detto:

    Ciao, bellissimo il racconto del mercato! A leggerti sembrava di essere li 🙂
    Anche per me resta il posto preferito dove fare la spesa, mentre evito i supermercati, con quelle luci al neon e scaffali di plastica mi mettono un po’ a disagio! E poi vuoi mettere il rapporto di fiducia con chi ti vende la frutta,verdura tutte le settimane?!
    Proverò l’abbinamento, sostituendo il parmigiano con i semi di sesamo!!
    Bacio

    Mi piace

    1. Astrid ha detto:

      Grazie tesoro! sono davvero contenta che sono riuscita a rendere l’idea! 🙂 fammi sapere come va!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...