Il re dei vegetali: l’aglio e le sue caratteristiche

L’aglio (Allium sativum) è una pianta bulbosa appartenente alla famiglia delle Giliacee, originario dell’Asia Centrale ma si coltiva in tutto il mondo.

Fiorisce in primavera ed estate.

L’aglio è per l’olfatto ciò che l’assenzio è per il gusto, vale a dire che la sua caratteristica più pronunciata è l’ intenso e particolare odore che limita notevolmente le sue possibilità di impiego.

Si racconta che nella Grecia antica l’aglio era soprannominato rosa puzzolente ed era vietato l’ingresso nel tempio di Cibele a coloro che ne avevano mangiato.

L’aglio però, pur avendo questo odore intenso, possiede virtù terapeutiche straordinarie.

Contiene allicina, sostanza liquida, incolore e antibatterica.

Il solfuro allilico è molto usato in medicina. L’aglio in cucina si combina bene con il limone.

Le proprietà antibatteriche dell’aglio sono innumerevoli e già note nell’antichità.

E’ consigliabile mangiare  aglio crudo, se le mucose della bocca, della gola e dello stomaco non lo rifiutano a causa del suo gusto forte e della sua acidità, proprietà nelle quali risiedono le virtù medicinali dell’aglio.

Cotto, perde più del 90% della sua azione medicinale e microbicida.

L’aglio è composto per una buona metà di acqua e di sostanza azotate,estrattive,amidacee ecc.,

La trofologia,scienza dell’alimentazione,se ben usata e applicata può diventare una terapia eccellente per guarire certi malanni dell’organismo.

I vegetali, usati in giusta dose, hanno indicazioni specifiche per ogni singolo paziente. E fra tutti i vegetali l’aglio è in testa alla classifica.

L’aglio è noto come il re dei vegetali perchè è uno dei più ricchi di proprietà medicinali, disinfettante, depurativo e ipotensivo.

La sua essenza acida, di odore penetrante, è antisettica, diuretica, calorifica.

Oltre ad essere considerato il migliore depuratore è anche tonificante, vermifugo, antireumatico, antifebbrile.

L’aglio è anche indicato per i diabetici, contro i coaguli del sangue nelle arterie e nei polmoni.

Come i legumi hanno bisogni di essere accompagnati dal succo degli agrumi così l’azione dell’aglio risulta più efficace se viene assunto insieme al limone.

L’aglio si pianta alla fine dell’inverno e in estate si raccoglie per essere conservato secco; in primavera, si raccoglie, per essere mangiato subito, crudo.

Richiede esposizione al sole, abbondante acqua nel momento in cui inizia la fioritura.

In cucina:

Aggiungete alle vostre insalate,minestre o nella verdura due o tre spicchi d’aglio crudo.

Evitate di mangiare l’aglio con carne, pesce, latte, ,miele e frutta dolce.

Come si evita l’alito cattivo:

Masticate:

  • un po ‘ di sedano crudo e sputatelo subito dopo. Sciacquate la bocca con dell’acqua dove avrete spremuto del limone, oppure:
  • qualche chicco di caffè, o:
  • foglie di menta, o:
  • radice di liquirizia,

oppure

  • prendete un infuso di camomilla o un tè di lavanda.

Il mio progetto:

Ho deciso così di dedicare una parte del blog alla terapia naturale, ovvero la trofoterapia.

Un incontro settimanale, il mercoledì, in cui analizzeremo un alimento naturale, presenteremo la terapia da seguire e i consigli per combattere i più comuni disturbi e malattie.

Questo mese seguitemi con l’aglio!

Spero che mi seguirete e condividerete con me questo mio interesse per la terapia naturale.

Vi lascio con ciò che affermava Ippocrate, grande medico greco: «Il tuo cibo sia la tua unica medicina, e la tua medicina il tuo unico cibo.»

Annunci

One Comment Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...