Singapore: Sentosa

on

Oggi con Jon, un collega di mia madre, ho visitato Sentosa, una vivace isola poco distante dalla città. Per arrivarci ci sono vari modi  sia con la propria macchina, con un trenino e con dei simpaticissimi “cable car”. Anche se più costosi, abbiamo optato per questi ultimi per un panorama che non lascia spazio all’immaginazione: è tutto sotto i tuoi occhi.

IMG_9511

Inoltre oggi ho preso per la prima volta la metro. Naturalmente è efficientissima, molto sicura e pulita. In quattro e quattr’otto ci siamo ritrovati a Harbour Front, da lì si può scegliere quale mezzo di trasporto prendere per raggiungere Sentosa.

IMG_9504

Girare a Sentosa è molto facile: è come un grosso parco giochi. Infatti, vi sono più di 25 attrazioni tra le quali il parco acquatico, lo skyline, parchi sportivi ecc.

Ma non dimentichiamoci che sto parlando di un’isola. Se penso alla parola isola almeno la mia testa collega la parola mare e infatti oggi a Sentosa mi sono goduta l’incredibile spiaggia. La cosa che mi ha più sorpreso è la sabbia: di un colore e composta da dei granelli davvero grossi (questo vuol dire una cosa sola…un perfetto scrub naturale per la pelle!).

IMG_9527

Quando siamo arrivati erano circa le undici e non c’era quasi nessuno, soltanto verso le due la spiaggia ha incominciato a popolarsi, avete presente verso le sette di sera quando i tremendi bambini armati con secchiello e … costretti dalle mamme devono abbandonare la loro caccia ai granchi, che sanno bene dove dileguarsi e un momento dopo li vedi spuntare dagli scogli a flotte?!

A Sentosa la spiaggia ha differenti nomi: la zona più ad ovest si chiama Palawan Beach, quella centrale Beach Station e quella ad est, dove siamo stati noi, Siloso Beach.

Verso le tre, appena mi ero decisa a ributtarmi dopo aver trovato le forze di alzarmi dall’appisolamento pomeridiano, il cielo incredibilmente ha incominciato ad annuvolarsi e i bagnini (che sembrano più militari, tanto sono imperiali) hanno lanciato l’allarme di uscire dall’acqua.

IMG_9540

Anche se sapevamo che non sarebbe venuto a piovere, dato che qui a Singapore è normale che il tempo faccia il birichino, abbiamo deciso di camminare lungo la spiaggia verso Palawan Beach per poi inoltrarci nel cuore di Sentosa.

Abbiamo scoperto che era in corso, per la prima volta in Asia, una bella iniziativa, The color run, che – attraverso una corsa di 5km benefica (il ricavato va a sostenere vari progetti) e un po’ pazza (si parte con la maglietta bianca e si arriva tutti pitturati di mille colori) – sostiene la vita sana, in armonia con l’ambiente e con gli altri. Non potevo lasciare in modo migliore questa isola!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...