Spaghetti con le vongole: un lavoro di squadra

il

Credo che l’unione faccia la forza. Almeno in cucina posso assicurarvi che è così, e questa pasta ne è la conferma!

Certo da soli ci si muove meglio, più spazio, più liberi di fare come si crede, ma vuoi mettere le idee, i suggerimenti e dei piccoli trucchi che si possono condividere dal semplice dialogo con altre persone?!

E sono proprio queste piccole cose che fanno la differenza. Per la prima volta in assoluto un piatto che ha messo davvero tutta la famiglia d’ accordo, ho alzato lo sguardo ed erano tutti totalmente presi, così concentrata sul mio piattone già al primo boccone, ho notato subito che c’era qualcosa che non andava.

“Ma, come?”, direte voi,”qual è ora il problema, cos’è andato storto?”  Credetemi: dopo la prima forchettata, ho aperto gli occhi, e non potevo credere che questi spaghetti fossero usciti non dalla cucina di chissà quale ristorante, ma dalla cucina di casa Oriani!

Questi spaghetti con le vongole sono il frutto di un lavoro di squadra: ai fornelli questa sera mi ha aiutato mio fratello, Alessio, ma senza la ricetta e i consigli di Sara, la sua ragazza, non avremmo mai raggiunto un risultato sorprendente come questo.

spaghettivongole (1)

Ma il merito non è solo nostro; i primi che devo ringraziare sono sempre loro quando si parla di pesce: Maurizio e Alba grazie alla vostra disponibilità e al vostro pesce fresco!

È facile quindi dire “E che ci vuole? È un semplice piatto di spaghetti con le vongole!” Eh no, cari miei! Molte volte è proprio dietro alle ricette in apparenza più semplici e con meno ingredienti che nascono le difficoltà. Un conto è fare una pasta farcita e rifarcita con panna, besciamella e chi più ne ha più ne metta, un conto è riuscire, con pochi ingredienti a tirare fuori un piatto genuino e saporito.

Innanzitutto occorre spendere due parole sulle vongole, la materia prima per un’ottima riuscita del piatto: per questi spaghetti abbiamo usato i “lupini” una qualità di vongole più piccine e molto saporite. Ora avviene la parte più delicata: la pulizia delle nostre vongole!

Lasciatele in ammollo con acqua e sale grosso per 1-2 ore così che buttino fuori sabbia ed eventuali impurità, dopo di che, con uno scolapasta, scolate le vongole, rimettetele nella terrina con dell’acqua fresca e agitatele con le mani muovendole molto per poi scolarle di nuovo. Ripetete questa operazione almeno per una decina di volte.

Passiamo ora alla ricetta!

Ingredienti per 4 persone:

1 kg di lupini
350g di spaghetti
3 spicchi d’aglio
olio extravergine
prezzemolo q.b.
peperoncino (facoltativo)
sale e pepe q.b.
Preparazione:

Portate a ebollizione dell’acqua per cuocere gli spaghetti. Dopo averle pulite come ho indicato sopra, mettete le vongole in una padella, coprite con un coperchio e fatele aprire a fuoco vivace scuotendo spesso la padella. Spegnete il fuoco non appena le vongole si saranno aperte: non protraete la cottura o ne comprometterete il sapore. Rimuovete le vongole dalla padella con una schiumarola e sgusciatene un po’ più della metà lasciando le restanti con il guscio. Filtrate il liquido rilasciato dalle vongole in un colino coperto con della garza e tenetelo da parte. In una padella capiente riscaldate abbondante olio extravergine d’oliva e soffriggeteci gli spicchi d’aglio, aggiungete il peperoncino tagliato a pezzetti e poi l’acqua di cottura delle vongole che avete tenuto da parte. Mettete a cuocere gli spaghetti. Fate addensare un pochino il sughino nella padella e in ultimo aggiungete le vongole e a fiamma vivace. Assaggiate e se necessario salate (noi non abbiamo dovuto salare perché era già saporito di suo) e pepate. Scolate gli spaghetti al dente e saltateli in padella fino a cottura ultimata. Tritate del prezzemolo e aggiungetelo agli spaghetti subito dopo aver spento il fuoco. Servite caldo.

Annunci

8 commenti Aggiungi il tuo

  1. Ilaria ha detto:

    Il piatto che unisce, potresti chiamarlo così! Avete ottenuto un ottimo risultato! Ciao Astrid 🙂 Felice weekend! 🙂

    Mi piace

    1. Astrid ha detto:

      Grazie dello spunto l’ho riusato nella pagina dei primi piatti =). Io vado a nanna che è ora; domani mi aspetta una giornata di studio matto e disperatissimo come direbbe Leopardi!

      Mi piace

  2. Viaggiando con Bea ha detto:

    E’ un piatto che adoro ma io non ho una squadra di aiutanti e quindi cucinarlo è un vero impegno. Ciaoo Bea

    Mi piace

    1. Astrid ha detto:

      Se vuoi vengo ad aiutarti =D !!!No a parte gli scherzi; potresti organizzare una serata di cucina con amiche, amici, parenti dove si cucina insieme e poi si mangia!

      Mi piace

      1. Viaggiando con Bea ha detto:

        Ma sai che una volta volevo provare a tenere una lezione di cucina a gratis tra amici? .-)

        Mi piace

      2. Astrid ha detto:

        Io sono disponibilissima ad aiutarti! Che bella come idea “Cucina a porte aperte!”

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...